lunedì 5 ottobre 2015

Vaticano shock: Prete fa coming out ed afferma di avere un compagno


«Voglio scuotere questa mia Chiesa. So che ne pagherò le conseguenze: l'amore omosessuale è un amore familiare, aprano gli occhi». Questo è il messaggio del teologo Krzysztof Charamsa che a poche ore dall'inizio del Sinodo mette in imbarazzo il Vaticano. Lo ha fatto alla vigila del Sinodo sulla famiglia:





Monsignor Krzysztof Charamsa 43 anni, polacco da 17 anni residente a Roma, non è un sacerdote qualunque: ufficiale della Congregazione per la Dottrina della Fede dal 2003, è segretario aggiunto della Commissione Teologica Internazionale vaticana, insegnante di teologia alla Pontificia Università Gregoriana e al Pontificio Ateneo Regina Apostolorum a Roma. Una dichiarazione unica in tutta la storia della Chiesta Cattolica che ha provocato sgomento ed imbarazzo all'interno del Vaticano.

 «Voglio che la Chiesa e la mia comunità sappiano chi sono: un sacerdote omosessuale, felice e orgoglioso della propria identità. Sono pronto a pagarne le conseguenze, ma è il momento che la Chiesa apra gli occhi di fronte ai gay credenti e capisca che la soluzione che propone loro, l’astinenza totale dalla vita d’amore, è disumana». Monsignor Krzysztof Charamsa prova a scuotere la Chiesa incoraggiandola ad essere più aperta nei confronti degli omosessuali. Una scelta non facile per Charamsa, che arriva dopo un lungo periodo come sostiene lui stesso in un'intervista: «Studiando, pregando e riflettendo su di me. Sono stati fondamentali il dialogo con Dio e il confronto con la teologia, la filosofia, la scienza. Adesso, poi, ho un compagno che mi ha aiutato a trasformare le ultime paure nella forza d’amore». Scontata la reazione della chiesa che attraverso un comunicato del portavoce Padre Lombardi « Monsignor Krzysztof Charamsa non potrà continuare a svolgere i compiti precedenti presso la Congregazione della Dottrina della Fede e le università pontificie». Una confessione che forse,per la prima volta nella storia, potrebbe avere dei risvolti positivi per gli omosessuali all'interno della Chiesa e che potrebbe servire da modello per eventuali outing. Di certo si tratta di un duro colpo per la Chiesa che viene messa allo scoperto, confermando che anche all'interno del Vaticano esistono ci siano omosessuali.