venerdì 22 gennaio 2016

Gli investimenti sicuri con la gestione separata



Siete alla ricerca di una polizza vita o di un piano d'accumulo?
Non sapete quale sia la differenza tra i due prodotti che le compagnie vi propongono?
In questo articolo parleremo delle seconde ovvero il piano d'accumulo con la gestione separata.
La differenza sostanziale tra la polizza vita e un piano d'accumulo con gestione separata sta nel fatto che mentre la prima non prevede l'esposizione di rischi garantendo a fine periodo il capitale investito al quale vanno aggiunti gli interessi maturati, nella seconda il denaro versato alle compagnie viene suddiviso in due parti: una parta destinata ad un piano d'accumulo, la seconda viene investita nei mercati emergenti con la possibilità di ottenere un buon guadagno al termine del vostro piano.
Penserete che questo tipo di prodotto possa essere abbastanza rischioso. Io direi di no.
Infatti, nonostante una parte del vostro denaro venga destinato in questi mercati emergenti, vi verrà garantito almeno il vostro capitale alla fine del periodo contrattuale. Quindi i rischi di perdere parte del vostro denaro non sussistono. Chiaro, ci potrebbe essere la possibilità che alla scadenza gli interessi possano essere davvero bassi o nulli. Ma secondo un'analisi del quotidiano economico, Ilsole24ore, oggi investire nella gestione separata conviene. Cito parte dell'articolo che potete trovare qui.

"La gestione separata che si ha nelle assicurazioni sulla vita è uno dei prodotti assicurativi più sicuri sul mercato. Si tratta infatti di fondi creati appositamente dalle imprese di assicurazione, distinti da quelli della compagnia. Nel caso in cui quest’ultima fallisse, il capitale accantonato con la polizza sarebbe comunque garantito.

 Le compagnie sono inoltre tenute, ogni tre mesi, a pubblicare sulle testate nazionali la composizione della gestione separata, che solitamente è orientata verso investimenti prudenti, Btp, Cct, Ctz e Bot, mentre l’esposizione azionaria è piuttosto limitata. Nella seconda parte degli anni ' 90, queste polizze venivano considerate come ormai superate dai prodotti vita di nuova generazione (le unit e le index linked) più dinamici in quanto legati in modo più stretto agli andamenti dei mercati finanziari. Ma la crisi del 2008, che ha prodotto gravi perdite nei bilanci delle unit linked e ha messo in discussione persino la garanzia di restituzione del capitale a scadenza nel caso delle index linked (quelle con sottostanti collegati a Lehman Brothers o alle banche islandesi), ha riabilitato i punti di forza dei contratti vita tradizionali.


Dal 1981 al 2009 le gestioni separate hanno registrato solo performance nette positive. Inoltre, i risultati vengono sempre consolidati: il capitale accantonato si rivaluta ogni anno e non può mai scendere. Ogni anno alla ricorrenza della sottoscrizione viene calcolato il rendimento ottenuto che va ad aggiungersi al capitale iniziale. Alla ricorrenza successiva il rendimento verrà calcolato sul totale (capitale iniziale + rendimento del primo anno) e così di seguito per tutta la durata del contratto."


Tra le compagnie leader nel settore segnaliamo Alleanza che con la sua offerta "futuro d'oro" ha vinto il primo premio MF Innovazione awards 2015 per la categoria risparmio e protezione.

Futuro d'oro è la soluzione ideale per chi non si accontenta della sicurezza garantita dalla classica polizza vita tradizionale, me sente l'urgenza di una maggiore redditività.

Si indirizza per lo più ai giovani, che hanno sogni e progetti da realizza e che hanno voglia di mettersi in gioco anche in termini di propensione al rischio.


Per maggiori informazioni su questo piano d'accumulo, visita questa pagina.